Pane Frattau, ricetta e leggende di un piatto della tradizione sarda

Il viaggio nei sapori tipici della Sardegna oggi ci porta a parlare del ‘Pane Frattau’.

Dov’è scritto che un piatto per essere gustoso debba avere una lavorazione laboriosa e debba contenere tanti ingredienti?

Il Pane ‘Frattau’, ci dimostra il contrario e grazie alla sua semplicità e velocità nella preparazione, si conferma di essere uno dei piatti della tradizione sarda più versatili, infatti può fare da antipasto,ma può diventare anche un primo piatto frugale.

Esso è tipico della Barbagia e della parte centrale dell’Isola e viene da sempre preparato con ingredienti semplici e salutari, quali ‘Pane Carasau‘, uova, salsa al pomodoro, olio, pecorino sardo e come la vera ricetta vuole, il brodo di pecora per ammorbidire il pane.
Ai giorni nostri, sapendo che il brodo di pecora non è cosi facile da preparare, ci si può accontentare di un classico brodo vegetale.
Nella Barbagia, per renderlo più saporito si utilizzano anche le erbe aromatiche come il rosmarino, il prezzemolo, la cicoria, il timo e l’origano.

LE ORIGINI DEL PANE FRATTAU

Iniziamo col dire, che il nome di ‘Pane Frattau! (letteralmente tradotto pane grattugiato), deriva dall’utilizzo dei pezzi rotti del ‘Pane Carasau’ (o carta musica) e di fatto è un piatto povero, però come dimostrano le varie storie che andremo a raccontare, ha delle origini molto incerte, ma sicuramente interessanti.

Si dice che il piatto sia nato durante lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, durante la quale i contadini per non arrendersi alla miseria, per nutrirsi furono costretti a ingegnarsi creando una pietanza completa con gli ingredienti che avevano a disposizione in dispensa; in questa maniera potevano consumare i resti di ‘Pane Carasau‘ bollendoli nell’acqua, disponendoli in un piatto, ricoprendoli con del pecorino grattugiato e della salsa al pomodoro (se disponibile), assicurandosi in oltremodo di non buttare via nulla.

Altra leggenda, più fantasiosa, narra che il ‘Pane Frattau’,  venne inventato come piatto da offrire al Re Umberto I: in occasione di una visita del sovrano in Sardegna, due donne, prese alla sprovvista, si ritrovarono ad arrangiarsi con gli ingredienti che trovarono, per creare un buon piatto che soddisfacesse sua maestà, così presero il pane, la salsa di pomodoro, del pecorino ed aggiunsero pure del basilico, la cipolla e due uova.
Prepararono il piatto in fretta e furia, trovando il particolare gradimento del Sovrano antico.

Adesso vediamo la ricetta per ricreare il piatto tipico.

INGREDIENTI DEL PANE FRATTAU 🥙

  • 3 fogli di pane carasau
  • Salsa di pomodoro q.b.
  • 1 uovo
  • Pecorino Sardo q.b.
  • Brodo di pecora (o vegetale)
  • Olio d’oliva evo
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b

PREPARAZIONE DEL PANE FRATTAU

Ci vuole veramente poco per preparare questa pietanza:

1) Ridurre il ‘Pane Carasau’ in grossi pezzi.

2) Scaldare il brodo, ed immergerci il pane un pezzo alla volta velocemente, avendo cura di non farlo inzuppare.

3) Porre tre pezzi di ‘Pane Carasau‘ su un piatto e coprire con il sugo di pomodoro e l’olio e il basilico.

4) Coprire il tutto con uno strato di pecorino, e altri tre pezzi di ‘Pane Carasau‘.

5) Ripetere l’operazione per altri due strati.

6) In una pentola fare bollire l’acqua e preparare l’uovo in camicia.

7) Adagiare l’uovo in camicia sull’ ultimo strato, e servire il piatto in tavola.

A questo punto, si potrà gustare questo semplice piatto tradizionale in tutta la sua bontà… buon appetito!